Mar06272017

Last updateLun, 26 Giu 2017 10am

Sei qui: Home Notizie Tutte le notizie CSV “I voucher? Sono utili per il volontariato”. Il CSV scrive ai sindacati

“I voucher? Sono utili per il volontariato”. Il CSV scrive ai sindacati

0037 12 08 GEN201509 SAM2337

Lettera del Centro servizi di Brescia ai segretari generali di Cgil, Cisl e Uil: "Persone fragili sul mercato del lavoro per età, lunga disoccupazione e scarsa professionalità hanno potuto, attraverso i voucher, vedere riconosciuta e legalmente coperta la loro condizione di lavoratore seppur temporaneo ed occasionale".

(Fonte: Redattore Sociale)

MILANO - Se ne parla poco, ma i voucher si stanno rivelando uno strumento importante per il Terzo settore per realizzare progetti sociali.
A Brescia con i "Cantieri solidali", promossi dall'associazione Solidarietà e lavoro e dal Comune, sono state coinvolte 160 persone per circa 23 mila ore di lavoro, tutte pagate con i voucher.
"Si è trattato di piccoli lavori - spiega Beatrice Valentini, vice presidente del Centro servizi per il volontariato (Csv) di Brescia -. Come tinteggiare le panchine o pulire giardini per alcune ore al giorno. In questo modo siamo riusciti a dare dignità a persone in difficoltà, che hanno grossi problemi a inserirsi nel mondo del lavoro". Il voucher, così utilizzato, permette di trasformare una piccola mansione, che magari prima veniva pagata con un generico rimborso spese, in un lavoro. "E dà un valore concreto a quel che si fa, ossia 10 euro all'ora", aggiunge Beatrice Valentini.
Ed è sulla scia di questa e altre esperienze maturate nel terzo settore di Brescia, che il Csv ha scritto una lettera aperta ai segretari generali di Cgil, Cisl e UIl per chiedere che "non si elimini questo strumento che nel settore dell’associazionismo e del volontariato si è rivelato di grande utilità, semplicità, legalità". Il dibattito sulla riforma dei voucher non deve dunque portare a una loro soppressione.
"Se la normativa presenta inadeguatezze e manchevolezze, si provveda subito a correggerla -scrive il Csv di Brescia-. Se ci sono settori in cui l’uso dei voucher è strutturalmente incompatibile, se ne vieti l’uso. Se ci sono abusi nell’utilizzo dei voucher, si facciano controlli rigorosi". I voucher, se utilizzati correttamente, sono invece uno strumento agile.

"Vi sono prestazioni lavorative temporanee e occasionali che, con i voucher, sono diventate operativamente gestibili in totale trasparenza. Persone fragili nei confronti del mercato del lavoro per età, lunga disoccupazione e scarsa professionalità hanno potuto, attraverso i voucher, vedere riconosciuto e legalmente coperta la loro condizione di lavoratore seppur temporaneo ed occasionale. In alcune esperienze maturate nel terzo settore, questa è stata la modalità per mantenere un’identità consapevole, per non scivolare nell’inattività e nello sfruttamento del lavoro nero, oppure per riavvicinarsi al lavoro, mostrare le proprie capacità e perseguire con maggior sicurezza l’obiettivo di un lavoro più stabile e duraturo. Insomma, i voucher, se ben regolamentati e correttamente utilizzati, possono continuare a rappresentare uno strumento adeguato per determinate, circoscritte e verificabili occasioni di lavoro". (dp)

Foto: © Enrico Genovesi - Progetto Fiaf - CSVnet "Tanti per tutti. Viaggio nel volontariato italiano".