Mar07252017

Last updateLun, 24 Lug 2017 9am

Sei qui: Home Notizie Tutte le notizie CSV Dalle droghe all’allattamento: il boom dei gruppi di auto aiuto a Ferrara

Dalle droghe all’allattamento: il boom dei gruppi di auto aiuto a Ferrara

0032P1 ass.sociale lombardia09

Nella sola provincia emiliana sono una quarantina i gruppi di ascolto aderenti al Coordinamento promosso dal CSV Agire Sociale. Si occupano di vari tipi di disagio sociale e sanitario, ma anche di questioni “gioiose” come l’essere genitori. Rivalutando l’importanza di parlarsi faccia a faccia.

È un movimento di cittadini “resilienti” che, accomunati da un problema o da un vissuto specifico, praticano l’ascolto reciproco, condividono le proprie esperienze, si scambiano informazioni, ma soprattutto non si sentono più soli e, insieme, sviluppano positività verso sé stessi e verso la comunità. Parliamo dei gruppi di auto aiuto, costituiti da pari che si autoattivano per affrontare in modo propositivo un problema o una fase della vita, purché condivisi.

Nel territorio provinciale di Ferrara sono presenti oggi una quarantina di gruppi di auto mutuo aiuto, che coinvolgono oltre 350 cittadini su temi molto diversi. Sono questi i numeri delle realtà che aderiscono al Coordinamento ferrarese dell’auto mutuo aiuto promosso dal CSV di Ferrara Agire Sociale, che offre ascolto e orientamento ai cittadini che vogliono creare nuovi gruppi, dà supporto formativo, collega fra loro i gruppi, associazioni e istituzioni territoriali.

I gruppi di auto aiuto possono nascere da persone che convivono con una malattia cronica o con una condizione di disabilità e dai loro famigliari. Ci sono gruppi che affrontano la dipendenza da alcol, da droghe, da cibo, altri sono impegnati sul fronte del disagio psichico. Ma ci sono anche gruppi “gioiosi”, che condividono l’essere genitori, oppure l’essere mamme che allattano al seno il proprio bambino. Alcuni nascono dentro l’associazione come servizio aperto alla comunità, altri si costituiscono autonomamente tra cittadini. Tra i gruppi che hanno aderito più di recente alla rete ferrarese dell’auto aiuto ci sono “La Fenice” sulla fibromialgia e il gruppo dell’associazione Epilessia Emilia-Romagna, mentre i più nuovi che si concentrano sull’elaborazione del lutto.

La rete ferrarese dell’auto mutuo aiuto nasce grazie a una progettualità a valenza formativa e informativa con il coordinamento di Agire Sociale. A partire dal primo progetto che, nel 2005, diede vita a un corso di formazione all’auto aiuto sulla genitorialità consapevole e famiglia competente, coinvolgendo in particolare genitori di figli con disabilità, i gruppi di auto aiuto sono diventati un movimento promotore di incontri culturali tematici, laboratori e corsi specifici. Negli anni alcuni di essi hanno poi trasformato il loro impegno, mettendosi in gioco come associazione o cooperativa sociale.

“Ci sentiamo un movimento attento ai cambiamenti sociali e ai nuovi bisogni del territorio, stimolato dai cittadini stessi che si rivolgono a noi per creare un gruppo e iniziare un cammino - afferma Laura Roncagli, presidente di Agire Sociale e referente del Coordinamento - Per il prossimo futuro stiamo già accompagnando lo sviluppo di un gruppo di genitori con figli adolescenti, che crediamo sia una bella opportunità per affrontare insieme la sfida dell’essere genitori oggi. Un altro punto su cui insistiamo è poi l’importanza del faccia a faccia all’interno del gruppo, un incontro diretto che non può essere sostituito dalle nuove tecnologie di internet, pur sempre modalità integrate e utili per intercettare nuovi contatti e veicolare informazioni. E’ infatti nella consapevolezza di sé e nel benessere delle nuove relazioni che si costruiscono all’interno del gruppo, che l’auto aiuto può fare la differenza in un percorso di vita. In prospettiva auspichiamo che le istituzioni e i servizi accolgano sempre di più la propositività di questo movimento di cittadinanza attiva”.

Il Coordinamento ferrarese dell’auto aiuto offre una guida ai gruppi del territorio disponibile sul sito di Agire sociale. Per contatti e informazioni: tel. 0532.205688, segreteria@agiresociale.it.

Foto © Roberto Testini - progetto Fiaf CSVnet "Tanti per Tutti. Viaggio nel volntariato italiano".