Sab06242017

Last updateVen, 23 Giu 2017 9am

Sei qui: Home Notizie Tutte le notizie CSVnet

FQTS2020: chiusa a Caserta la prima settimana intensiva. "C’è una grande voglia di apprendere, conoscere e approfondire"

FQTS2020Chiude a Caserta la prima settimana intensiva di FQTS2020, il percorso di formazione dei quadri del terzo settore meridionale che coinvolge sei regioni del Sud: Campania, Calabria, Basilicata, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Tantissime sono state le tipologie di attività didattiche applicate, oltre 320 i partecipanti che hanno lavorato sui 4 curricula in cui si articola il percorso formativo (Territorio, Cittadinanza, Futuro e Benessere); 50 docenti sono intervenuti nel corso dei 5 giorni di intenso lavoro, intervallato dalle ‘incursioni’ dei Social clown e le mappe visuali realizzate da Comunitàzione che hanno raccontato attraverso disegni e immagini tutte le giornate di questa lunga settimana formativa.

Leggi tutto...

FQTS2020: la formazione come il più grande investimento sul futuro

FQTS2020Si sono aperti a Caserta, e proseguiranno fino a domenica 15 novembre, i lavori di FQTS2020, il percorso di formazione dei quadri del terzo settore meridionale. Un progetto che coinvolge sei regioni: Campania, Calabria, Basilicata, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Per una settimana Caserta ospiterà i 320 partecipanti al progetto, per un totale di 71 reti associative regionali, per parlare di terzo settore e delle sue opportunità di sviluppo, con un occhio di riguardo al Sud, ma con un taglio nazionale e internazionale. Il percorso si dividerà poi in quattro moduli formativi: territorio, cittadinanza, futuro e benessere.

Leggi tutto...

CSVnet ad Expo Milano 2015

CSVnetAdExpoEmpori solidali che ogni giorno contrastano la povertà alimentare aiutando 60mila persone in stato di bisogno; case delle associazioni e del volontariato, oggetto di una Carta con cui si è lanciato un impegno condiviso affinché il prendersi cura dei beni comuni diventi sempre più radicato e diffuso.

Sono i temi al centro degli eventi realizzati nei giorni scorsi da CSVnet nella cornice di Expo Milano 2015 e su cui è possibile vedere resoconti, video, interviste e immagini nella sezione speciale "CSVnet ad Expo Milano 2015". 

Nella sezione è già disponibile il programma del prossimo evento in calendario dedicato al primo Report Nazionale sulle Organizzazioni di Volontariato censite dal sistema dei Centri di Servizio per il Volontariato, che sarà presentato il 19 ottobre 2015 insieme a Fondazione IBM Italia, all'interno del sito espositivo, presso il padiglione della società civile Cascina Triulza.

Sempre in questa sezione potrete trovare tutti i prossimi aggiornamenti sull'evento dal titolo "Expo e i Cittadini: la sfida per il volontariato - Dal grande evento alla cittadinanza attiva", in programma il 20 ottobre, presso il padiglione della società civile Cascina Triulza.

 

La sezione è raggiungibile dal menu principale, cliccando sulla voce Eventi>In primo piano

Dal grande evento alla cittadinanza attiva: il convegno di CSVnet e Ciessevi ad Expo

expo cittadini

20 ottobre 2015

Expo Milano 2015 - Cascina Triulza

 

Siamo quasi giunti alla fine dell'Esposizione Universale ed è il momento di fare un primo bilancio della partecipazione dei volontari a Expo 2015. Per questo motivo CSVnet e Ciessevi organizzano il convegno "Dal grande evento alla cittadinanza attiva" che si terrà martedì 20 ottobre, alle ore 15:00, a Cascina Triulza, nel sito di Expo Milano 2015.

L'incontro sarà il punto di partenza per la futura capitalizzazione di questa esperienza in nuove forme di volontariato orientato alla cittadinanza attiva e alla tutela dei beni comuni.

Programma

14.30 – 15.00 Registrazione dei partecipanti

Introduce: Ciessevi, Centro Servizi per il Volontariato-Città Metropolitana di Milano - Ivan Nissoli, Presidente
Conduce: Carlo Baroni, giornalista di Corriere della Sera

15.00 – 16.00 Volontari nei grandi eventi: le esperienze di Expo Milano 2015

• Verso nuove forme di volontariato - Maurizio Ambrosini, Docente di Sociologia dei processi economici, Università degli Studi di Milano
• I volontari in Expo 2015, una fotografia – Anna Menghini, docente Psicologia dinamica, Dip. di Filosofia, Pedagogia, Psicologia dell’Università di Verona
• Organizzare il volontariato episodico? Sfide e prospettive – Marta Bonetti e Riccardo Guidi, Dipartimento di Scienze Politiche, Università degli Studi di Pisa

• Testimonianze dei volontari (contributi video)

16.00 – 16.30 Volontari nei grandi eventi: buone pratiche internazionali

• Team London, Inghilterra – Jennyfer Byram, Senior Manager, Team London (Volunteering)
Communities and Intelligence, Greater London Authority - contributo video (TBC)
• Fundacion Tarragona 2017, Spagna – Elisabet Nacenti Merino

16.30 – 17.00 Nuovi orizzonti per coinvolgere i cittadini nelle varie forme di volontariato: la proposta dei Centri di Servizio per il Volontariato

• CSVnet, Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato – Stefano Tabò, Presidente

17.00 – 18.00 Tavola rotonda.

Carlo Baroni dialoga con:

• Expo spa – Davide Sanzi, Operations Division Deputy Director / HR & Organization Director
• Unione Europea – Giancarlo Caratti, Deputy Commissioner General EU Expo Milano 2015
• Alcuni dei promotori dell’Autoconvocazione del Volontariato – Pietro Barbieri, Portavoce Forum Nazionale del Terzo Settore; Emma Cavallaro, Presidente Conferenza Permanente delle Associazioni Federazioni e Reti di Volontariato; Francesco Marsico, responsabile Area Nazionale Caritas Italiana, Enzo Costa, Coordinatore Consulta Nazionale per il Volontariato presso il Forum (TBC)
• Agenzia nazionale per i Giovani – Giacomo D’Arrigo, Direttore Generale (TBC)
• INDIRE – Flaminio Galli, Direttore Generale (TBC)
• Comune Milano – Marco Granelli, Assessore alla Sicurezza e coesione sociale, Polizia locale, Protezione civile, Volontariato
• Anci – Francesca Danese, vicepresidente Commissione Welfare e politiche sociali (TBC)

I CSV per i volontari in Expo 

Riconoscendo l’esperienza acquisita negli anni nell’ambito della promozione del volontariato, nel 2014, Expo S.p.A. ha pensato di rivolgersi alla rete dei CSV per la gestione del Programma Volontari per Expo. I Centri di Servizio hanno nel mandato istituzionale (legge quadro sul volontariato 266/91) anche la promozione del volontariato, oltre al sostegno delle attività delle organizzazioni.

CSVnet e Ciessevi Milano, insieme ai 72 CSV italiani, hanno selezionato 7.500 volontari di breve periodo per animare il sito espositivo. Una sfida che è stata possibile vincere anche grazie alle relazioni con le reti associative nazionali e al radicamento territoriale che i Centri di Servizio hanno costruito in quindici anni di attività. Sono riusciti a sviluppare un percorso d'individuazione dei volontari, articolato e capillare sull'intero territorio nazionale, così da rendere protagonisti del Programma Volontari tutti coloro che, in ogni regione, hanno avuto voglia di spendersi in questa avventura.

Un team di orientatori è stato formato ad hoc per ricevere e gestire le candidature dei cittadini in modo da consentire l’agire gratuito di 536 volontari al giorno per ognuno dei 13 periodi di servizio identificati da Expo 2015. Inoltre, durante i sei mesi dell’Esposizione Universale, 7 Team Leader hanno accompagnato, supportato e monitorato l’attività dei volontari sul sito espositivo, riferendo all’Ufficio Volontari di Expo 2015 S.p.A. che ha avuto il compito della gestione dei Volontari.

Ciessevi infine ha curato per conto della Commissione Europea la selezione e il supporto alla gestione di altri 840 volontari di breve periodo che in gruppi di 60 per ognuno dei 14 periodi di servizio hanno animato il padiglione UE durante Expo 2015. E non è che l’inizio: dopo il Programma Volontari per Expo la rete dei CSV è già al lavoro per capitalizzare questa esperienza al fine di intercettare nuove forme di volontariato: partecipato, diffuso, orientato alla cittadinanza attiva e alla tutela dei beni comuni.

I numeri

In totale i due Programmi hanno effettuato 11.858 colloqui dei candidati (di cui circa il 25% di nazionalità straniera), con una media di circa 1.176 colloqui al mese. I candidati sono stati costantemente accompagnati e animanti con una specifica social community.

Durante la giornata interverranno alcuni docenti e ricercatori di alcne Università che stanno realizzando una ricerca sull'impatto dei volontari a Expo e le testimonianze inglesi e spagnole sulla partecipazione dei volontari ai grandi eventi. Seguirà una tavola rotonda con alcuni tra i principali protagonisti del Programma Volontari con referenti della pubblica amministrazione e del mondo delle imprese.

Per partecipare consulta la pagina dedicata del sito del Ciessevi 

Anche il Premier Matteo Renzi ha ringraziato i volontari di Expo Milano 2015, durante la trasmissione di Rai3 "Che tempo che fa", andata in onda domenica 11 ottobre 2015.

Guarda il video 

Primo Report nazionale sulle Organizzazioni di Volontariato censite dai CSV

19 ottobre 2015

Expo Milano 2015 - Cascina Triulza

ibm csvnet2

 

Lunedì 19 ottobre 2015 CSVnet e Fondazione IBM Italia presenteranno il primo Report Nazionale sulle Organizzazioni di Volontariato censite dal sistema dei Centri di Servizio per il Volontariato.

L'evento si terrà, a partire dalle ore 14.00, nella cornice di Expo Milano 2015, presso il Padiglione della Società Civile della Cascina Triulza.

Il volontariato è una realtà vitale per lo sviluppo del nostro Paese ed opera con specifiche caratteristiche e valori che lo identificano fra tutte le altre componenti del non profit. Per questo, grazie al patrimonio di informazioni raccolte dai CSV con la loro presenza operativa e capillare in tutte le regioni a sostegno delle varie espressioni del volontariato, CSVnet e Fondazione IBM hanno potuto avviare una partnership per censire questa realtà.

La presentazione del Report, che raccoglie informazioni relative ad oltre 44.000 Organizzazioni di Volontariato su tutto il territorio nazionale, sarà un importante momento di riflessione per la messa a punto di un processo continuo che, partendo da una base unitaria di dati, possa contribuire ad indirizzare le politiche del settore nel lungo periodo.

Il programma del convegno vedrà la presenza di qualificati esponenti del mondo istituzionale, accademico e del settore.

L'evento di aprirà con i saluti di Marco Granelli, assessore alla Sicurezza e coesione sociale, Polizia locale, Protezione civile, Volontariato del Comune di Milano, Stefano Tabò, presidente di CSVnet, e Maria Cristina Farioli, direttore marketing, comunicazione e citizenship IBM Italia.

Subito dopo, Angelo Failla, direttore Fondazione IBM Italia e Roberto Museo, direttore CSVnet, presenteranno il Report.

A seguire, l’intervento dell’On. Luigi Bobba, sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

In qualità di discussant, parteciperanno inoltre: Nereo Zamaro, direttore politiche sociali, autonomie, sicurezza e sport della Regione Lazio; Gregorio Arena, presidente di Labsus e Mauro Magatti, professore ordinario Università Cattolica del Sacro Cuore.

Modererà il dibattito il giornalista de Il Sole 24 Ore Elio Silva.

Per partecipare compila il modulo online disponibile al seguente link.

Scarica il programma

Dal grande evento alla cittadinanza attiva

expo cittadini

20 ottobre 2015

Expo Milano 2015 - Cascina Triulza

 

Siamo quasi giunti alla fine dell'Esposizione Universale ed è il momento di fare un primo bilancio della partecipazione dei volontari a Expo 2015. Per questo motivo CSVnet e Ciessevi hanno organizzato il convegno "Dal grande evento alla cittadinanza attiva" che si è tenuto martedì 20 ottobre, alle ore 15:00, a Cascina Triulza, nel sito di Expo Milano 2015.
L'incontro è stato il punto di partenza per la futura capitalizzazione di questa esperienza in nuove forme di volontariato orientato alla cittadinanza attiva e alla tutela dei beni comuni.

I CSV per i volontari in Expo 

Riconoscendo l’esperienza acquisita negli anni nell’ambito della promozione del volontariato, nel 2014, Expo S.p.A. ha pensato di rivolgersi alla rete dei CSV per la gestione del Programma Volontari per Expo. I Centri di Servizio hanno nel mandato istituzionale (legge quadro sul volontariato 266/91) anche la promozione del volontariato, oltre al sostegno delle attività delle organizzazioni.

CSVnet e Ciessevi Milano, insieme ai 72 CSV italiani, hanno selezionato 7.500 volontari di breve periodo per animare il sito espositivo. Una sfida che è stata possibile vincere anche grazie alle relazioni con le reti associative nazionali e al radicamento territoriale che i Centri di Servizio hanno costruito in quindici anni di attività. Sono riusciti a sviluppare un percorso d'individuazione dei volontari, articolato e capillare sull'intero territorio nazionale, così da rendere protagonisti del Programma Volontari tutti coloro che, in ogni regione, hanno avuto voglia di spendersi in questa avventura.

Un team di orientatori è stato formato ad hoc per ricevere e gestire le candidature dei cittadini in modo da consentire l’agire gratuito di 536 volontari al giorno per ognuno dei 13 periodi di servizio identificati da Expo 2015. Inoltre, durante i sei mesi dell’Esposizione Universale, 7 Team Leader hanno accompagnato, supportato e monitorato l’attività dei volontari sul sito espositivo, riferendo all’Ufficio Volontari di Expo 2015 S.p.A. che ha avuto il compito della gestione dei Volontari.

Ciessevi infine ha curato per conto della Commissione Europea la selezione e il supporto alla gestione di altri 840 volontari di breve periodo che in gruppi di 60 per ognuno dei 14 periodi di servizio hanno animato il padiglione UE durante Expo 2015. E non è che l’inizio: dopo il Programma Volontari per Expo la rete dei CSV è già al lavoro per capitalizzare questa esperienza al fine di intercettare nuove forme di volontariato: partecipato, diffuso, orientato alla cittadinanza attiva e alla tutela dei beni comuni.

I numeri

In totale i due Programmi hanno effettuato 11.858 colloqui dei candidati (di cui circa il 25% di nazionalità straniera), con una media di circa 1.176 colloqui al mese. I candidati sono stati costantemente accompagnati e animanti con una specifica social community.

I contenuti

Nel corso del convegno, Antonella Morgano, del Dipartimento di Filosofia, Pedagogia, Psicologia dell’Università di Verona, ha illustrato i primi dati della ricerca "Un nuovo approccio al Volontariato: grandi eventi e partecipazione attiva". Una fotografia degli oltre 2400 volontari che in sei mesi hanno prestato servizio in Expo. Lo Studio, che vedrà la luce nel 2016, rivela che l’86% dei partecipanti non ha mai svolto attività di volontariato per grandi eventi e che il 44% afferma di non avere mai fatto volontariato prima, ma più del 95% dei volontari vuole impegnarsi ancora una volta tolta la divisa da volontario Expo. “Organizzare il volontariato episodico?” invece è stato il tema dell’intervento di Riccardo Guidi e Marta Bonetti del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Pisa, che hanno descritto la “svolta post-moderna” del volontariato e ne hanno tracciato il modello emergente, soprattutto nelle nuove generazioni. Su queste prime anticipazioni Maurizio Ambrosini, sociologo e docente all’Università degli Studi di Milano, ha tracciato un identikit tra auto-percezioni e percezioni organizzative della partecipazione volontaria. Una partecipazione che mescola desiderio di protagonismo e senso civico che le associazioni più tradizionali sono chiamate a intercettare.

Tra gli ospiti della giornata c'è stato chi ha già incontrato questa nuova tipologia di ingaggio, con importanti risultati, come Team London, la realtà che dal 2012 ha capitalizzato il “dopo” olimpiadi e paralimpiadi di Londra. Attraverso un sito web frequentato da circa 90mila volontari e 1400 organizzazioni, si scambiano domande e offerte di volontariato, come lo “Speedvolunteering”, occasioni di impegno anche per meno di 6 ore e senza vincoli di coinvolgimento. Un'altra esperienza presentata è il Progetto Volontari per i Giochi del Mediterraneo di Tarragona del 2017 che sta coinvolgendo quasi 4mila volontari.

Antonella Morgano: anteprima della ricerca "Un nuovo approccio al volontariato"
Riccardo Guidi, Marta Bonetti: Organizzare il volontariato episodico?
Maurizio Ambrosini: Verso nuove forme di volontariato

Guarda le interviste video della giornata

 

 

 

Anche il Premier Matteo Renzi ha ringraziato i volontari di Expo Milano 2015, durante la trasmissione di Rai3 "Che tempo che fa", andata in onda domenica 11 ottobre 2015. 

Guarda il video 

Lotta allo spreco e contrasto alle nuove povertà - Esiti

17 settembre 2015
Expo Gate - sala Sforza - via Luca Beltrami, Milano

logo Empori expo

GLI ESITI DELL'EVENTO

Sono 60 le realtà attive in tutto il territorio nazionale e contrastano quotidianamente la povertà alimentare aiutando 60mila persone in stato di bisogno.

È il mondo degli empori solidali, piccoli supermercati ad accesso controllato che offrono la possibilità di fare la spesa gratuitamente secondo il proprio fabbisogno; ciò è possibile grazie alla collaborazione fra associazioni, enti locali e cittadini, che hanno dato vita ad un circolo virtuoso di solidarietà che sta contagiando tutta l’Italia.

Una fotografia di questa rete innovativa è stata presentata il 17 settembre all’Expo Gate di Milano, nell’ambito del convegno organizzato da CSVnet “Lotta allo spreco e contrasto alle nuove povertà. Il Volontariato porta le sue esperienze a Expo per rilanciare un patto di comunità”.

Leggi i comunicati:

10 settembre - Lotta allo spreco e contrasto alle nuove povertà. Il volontariato porta le sue esperienze a Expo per rilanciare un patto di comunità
17 settembre - La carica degli empori solidali. Dai Centri di Servizio per il Volontariato proposte concrete per la lotta allo spreco e il contrasto alle nuove povertà

Documenti:

Guarda la mappa degli empori solidali in Italia

Guarda la galleria fotografica

Rassegna stampa:

Video

   

Giustizia: a Roma il IX Forum annuale europeo pro bono della rete PILnet

ButtonPilnet WebQuest'anno sarà la città di Roma ad ospitare, dall'11 al 13 novembre, il IX Forum annuale europeo pro bono, nato nel 2007 e organizzato dalla rete PILnet, a cui CSVnet aderisce.

La prestazione di servizi legali a coloro che non possono permettersi un avvocato, aiuta ad ampliare l'accesso alla giustizia e sostiene le missioni umanitarie delle ONG. Negli ultimi 10 anni, inoltre, la pratica del pro bono ha visto una rapida crescita in tutto il mondo.

Leggi tutto...