Dom09242017

Last updateGio, 21 Set 2017 8am

Sei qui: Home Notizie Tutte le notizie Fondazioni

Nei servizi di welfare pubblico e privato devono essere complementari: presentato Rapporto Sussidiarietà

cover rapportoNon ha più senso opporre gestione pubblica e gestione privata nei settori del welfare; tenendo conto di efficacia, efficienza e qualità dei servizi, la prospettiva migliore è quella di una loro complementarietà: a dirlo è l'ultimo Rapporto della Fondazione Sussidiarietà, dal titolo "Sussidiarietà e...qualità nei servizi sociali", realizzato in collaborazione con il Politecnico di Milano e presentato recentemente a Roma.

I risultati presentati nella prima parte del Rapporto dicono, infatti, che a parità di qualità percepita dagli utenti delle strutture pubbliche e non profit esaminate, queste ultime risultano più efficienti. Mentre, la seconda parte del Rapporto mette in luce, con un'indagine qualitativa, le caratteristiche delle organizzazioni private senza fini di lucro che ne decretano il successo. In particolare sono stati presi in esame 5 sottosettori del welfare (housing universitario, asilo nido, housing sociale, cura degli anziani, riabilitazione) attraverso l'analisi dei costi di alcune strutture pubbliche e private. Il Rapporto non contiene un'analisi statistica su meriti e criticità delle organizzazioni pubbliche e non profit, quanto piuttosto un contributo metodologico che, utilizzando alcuni "casi", mostra il possibile utilizzo della tecnica dell'analisi dei costi e delle performances, al fine di offrire
uno strumento utile a migliorare l'efficienza e l'efficacia dei servizi, da chiunque prestati.

Leggi tutto...

La comunicazione digitale nel non profit: Fondazione Sodalitas lancia nuova indagine

SodalitasSocialInnovationLa Fondazione Sodalitas ha lanciato la seconda edizione dell'indagine on line "La comunicazione digitale nel nonprofit: usi, rischi, opportunità".

La ricerca vuole indagare le modalità e la frequenza con cui il Terzo Settore utilizza la comunicazione digitale, con particolare riferimento ai social network, alle aspettative che questi canali generano e soddisfano e alle criticità che fanno emergere.

Rispetto a quanto indagato nel 2013, la presente edizione della ricerca è arricchita di una sezione interamente dedicata al crowdfunding.

Possono partecipare tutte le organizzazioni non profit; c'è tempo fino al 25 marzo 2014.

Leggi tutto...

Attività economiche sui beni confiscati alle mafie al sud: oltre 3,2 milioni per 11 progetti

fondazioneSudSui beni confiscati alle famiglie e ai boss mafiosi di Campania, Puglia, Sicilia e Calabria nasceranno imprese sociali per la produzione di latte biologico, di olio d'oliva, nuove mense, ristoranti, pizzerie e cafè solidali, botteghe artigianali e servizi turistici, con il coinvolgimento di minori, giovani, donne, immigrati e l'occupazione di persone svantaggiate.
I beni confiscati alla criminalità organizzata diventano così occasione di sviluppo del Mezzogiorno, attraverso l'avvio di attività economiche e il rafforzamento di iniziative esistenti. 

Sono stati individuati con questa finalità gli 11 progetti "esemplari" sostenuti dalla Fondazione CON IL SUD attraverso il Bando Beni Confiscati 2013, rivolto alle Organizzazioni del Volontariato e del Terzo Settore delle regioni meridionali.

Leggi tutto...

Fondazione Zancan pubblica Rapporto povertà 2013: necessarie soluzioni di welfare generativo

zancanLa Fondazione Emanuela Zancan ha pubblicato il rapporto povertà 2013, che quest'anno si intitola "Rigenerare capacità e risorse. La lotta alla povertà. Rapporto 2013".

Al centro di questa edizione dell'indagine la Fondazione Zancan ha posto l'urgenza di soluzioni di "welfare generativo", cercando di offrire degli spunti e degli stimoli alle forze politiche, sindacali, imprenditoriali e culturali per riflettere su come passare dall'assistenzialismo alla promozione, da un welfare inteso come "costo" ad un  welfare inteso come "investimento".

Leggi tutto...

Il facilitatore: un master di alta formazione da Ceida, Fondazione Roma e Voice

MasterIl Facilitatore smallIl Master dal titolo "Il facilitatore. Una nuova figura per lo sviluppo delle comunità locali" è una delle prime proposte strutturate in Italia di formazione specialistica per la figura del Facilitatore di comunità (community organizer), ed è promosso da Ceida, Fondazione Roma e dall'associazione Voice, con il patrocinio di Roma Capitale e Provincia di Roma

Questo percorso mira a formare esperti in attività di facilitazione dei processi decisionali, teoria e pratica della trasformazione dei conflitti, analisi dei contesti organizzativi e progettazione partecipata territoriale, in riferimento a processi complessi in cui siano coinvolti più attori. Il master comprende attività di "formazione sul campo" attraverso uno stage gratuito, supervisionato da un docente, che si svolgerà all'interno del Progetto Wel.com.e (Welfare for community empowerment), promosso dall'associazione Voice presso la comunità territoriale di Castel di Guido (Roma) e sostenuto dalla Fondazione Roma.

Leggi tutto...