Mer09202017

Last updateMar, 19 Set 2017 10am

Sei qui: Home Press Per conoscerci Storie e best practices Promozione e orientamento al volontariato Giustizia riparativa: siglato accordo tra CSV Marche e Amministrazione penitenziaria regionale

Giustizia riparativa: siglato accordo tra CSV Marche e Amministrazione penitenziaria regionale

CSVmarche nuovo

Il Provveditorato Regionale dell'Amministrazione Penitenziaria e il CSV delle Marche hanno sottoscritto e presentato alle Organizzazioni di Volontariato della regione un protocollo d'intesa per favorire il reinserimento sociale di persone sottoposte a condanne penali, attraverso lo svolgimento di attività di volontariato, in alternativa alla detenzione, nell'ottica di una giustizia riparativa del danno.

 

 

Compito essenziale del CSV sarà quello di individuare, d'intesa con l'Ufficio Esecuzione Penale Esterna, associazioni disponibili ed idonee presso le quali le persone sottoposte a condanne penali possono svolgere servizio di volontariato, quale attività riparativa del danno commesso. Il CSV garantirà alle associazioni coinvolte un'azione di accompagnamento e supporto in relazione a tutte le attività previste. Sarà invece compito dell'Ufficio Esecuzione Penale Esterna preparare ed accompagnare l'accoglienza della persona nella OdV individuata, offrendo ogni necessario supporto.

Sono molteplici gli obiettivi che si pone il protocollo: promuovere la cultura della legalità attraverso il reinserimento sociale del condannato e la riparazione del danno che l'illecito ha provocato alla collettività; favorire la partecipazione delle OdV all'azione di recupero dei condannati; valorizzare le capacità e le potenzialità della persona in esecuzione penale; promuovere la conoscenza e lo sviluppo delle attività riparative a favore della collettività.

I contenuti dell'accordo sono stati illustrati nel corso di 5 incontri provinciali con le OdV del territorio, che sono state invitate ad aderire al progetto.

"Siamo convinti – ha spiegato il presidente del CSV Marche Enrico Marcolini - che il recupero e il reinserimento sociale di persone in esecuzione penale passi anche attraverso la partecipazione di istituzioni ed associazioni, e, nel caso specifico, mediante prestazioni di servizi di volontariato, che possono promuovere la creazione di legami sociali improntati alla solidarietà".