Antonioli succede a Cavallari alla guida del Csv di Rovigo

Il cambio di governance è dovuto all’incompatibilità alla carica di consigliere comunale di Adria dell’ex presidente. Antonioli rappresenta l’Avis provinciale ed è al suo secondo mandato nel consiglio direttivo del centro di servizi 

di Lara Esposito

Il CSV di Rovigo ha un nuovo presidente. È Massimo Antonioli, presidente dell’Avis provinciale, designato lunedì 18 settembre dal consiglio direttivo dell’associazione Polesine Solidale, ente gestore del centro. Antonioli succede a Cavallari, eletto nel 2017 per il secondo mandato, che ha lasciato la carica di presidente a causa dell’incompatibilità con la sua nuova elezione a consigliere comunale ad Adria. Un’incompatibilità prevista anche dalla riforma del terzo settore (art. 61 del Codice terzo settore). Cavallari rimarrà nel consiglio direttivo come tesoriere.

Antonioli ha 49 anni, è originario di Castelmassa e svolge la professione di architetto. Restano inalterati gli altri ruoli nel consiglio direttivo, con Marinella Mantovani dell’Auser Volontariato Polesine come vicepresidente e i consiglieri Paolo Antonini dell’associazione Volontari Protezione Civile Altopolesine, Roberta Paesante della Fidas Polesana, Gabriele Bellesia dell’associazione “Danilo Ruzza” Donatori Midollo osseo ed Eva Grandi dell’associazione Renzo Barbujani.