Statuti degli Ets e Volontariato: due nuovi instant book sulla riforma del terzo settore

Pubblicati nella collana Bussole i numeri 7 e 8 della serie di approfondimenti curata dai Centri di servizio per il volontariato della Lombardia in collaborazione con CSVnet e dedicata ai cambiamenti introdotti dalla nuova normativa 

di Clara Capponi

Sono online i due nuovi instant book sulla Riforma del terzo settore curati dai Centri di servizio per il volontariato della Lombardia in collaborazione con CSVnet. Dopo i primi 6 usciti nel 2018, l’instant book n. 7/2019 si concentra su Gli statuti degli ETS (Enti  di Terzo Settore) e ha l’intento di offrire “una prima informazione ragionata sulle disposizioni che il Codice del Terzo settore (D.Lgs. 117/2017) ha introdotto in materia di requisiti formali per la stesura degli statuti degli enti che vorranno far parte del Registro Unico Nazionale; il n. 8/2019 si intitola invece Il volontario e le attività di volontariato ed è dedicato a una delle novità fondamentali introdotte dal Codice sull’argomento: la previsione e regolamentazione dell’attività di volontariato anche in quanto azione del volontario inteso come singola persona, cioè non solo all’interno del “classico” contesto associativo considerato fino ad oggi.

Gli instant book fanno parte della collana Bussole: 16 testi pensati quali utili strumenti per orientare gli enti del terzo settore nel nuovo quadro normativo, pubblicati seguendo l’emanazione dei vari decreti attuativi e correttivi riguardanti la riforma e in corso da vari mesi.

Per la stessa collana sono già stati pubblicati: 

  • 1/2018 – Chi sono gli enti di Terzo Settore
  • 2/2018 – Per chi non è ETS: cosa succede?
  • 3/2018 – Le ODV prima e dopo
  • 4/2018 – Le APS prima e dopo
  • 5/2018 – Saper ricevere le donazioni
  • 6/2018 – Imposte indirette e tributi locali

Tutti gli instant book sono scaricabili gratuitamente a questo link.

«La riforma è un’occasione di cambiamento e di innovazione per l’intero sistema del terzo settore, che potrà dare più concretezza alle molteplici istanze delle realtà sociali organizzate nel nostro Paese – spiega Attilio Rossato, presidente della Confederazione dei Centri di Servizio per il Volontariato della Lombardia – Perché questo avvenga è necessario che gli enti del terzo settore siano sostenuti e accompagnati, un compito che i CSV svolgono fin dalla loro nascita. Abbiamo scelto di farlo anche attraverso queste pubblicazioni, che raccolgono una serie di approfondimenti e linee guida che possano agevolare volontari, soci, dirigenti associativi e operatori nella lettura interpretativa delle norme introdotte o modificate dalla riforma». 

«Questi strumenti, - dichiara il presidente di CSVnet Stefano Tabò, - sono un servizio che rendiamo al terzo settore in piena coerenza con il mandato che la riforma assegna ai CSV: quello di ‘promuovere la presenza e il ruolo dei volontari in tutti gli Enti di Terzo settore’. La conoscenza puntuale delle modifiche organizzative che ciò comporterà a breve termine in ciascuno di essi è fondamentale perché anche il volontariato sia favorito e sempre più al passo con i bisogni della società»

Sullo stesso tema

 
Agosto 2019
L M M G V S D
4
12 13

Social wall CSV

Torna su