www.csvnet.it

Fare volontariato per evitare l’esclusione, un’agenzia a Torino

Il progetto avviato dal Csv del capoluogo insieme al comune punta a favorire il reinserimento di soggetti svantaggiati. Nascerà una rete di associazioni interessate e si individueranno degli “inclusive manager” 

di Clara Capponi

Fare volontariato può essere un modo efficace per il reinserimento nella società di persone svantaggiate o che vivono situazioni difficili, favorendo anche il loro benessere relazionale e psichico.

E’ questa la sfida che il Csv di Torino ha deciso di raccogliere insieme alle associazioni locali con l’Agenzia per il volontariato inclusivo (Agevoli).

Il progetto rientra nell’iniziativa avviata dal comune di Torino “TO-link: connessioni di comunità” che fa parte a sua volta del piano We.Ca.Re promosso dalla regione per avviare azioni di welfare integrato.

Il banner dell'iniziativa
Il banner dell'iniziativa

L’obiettivo è di mettere in rete enti di terzo settore che vogliano accogliere nelle proprie attività persone svantaggiate. Le associazioni interessate potranno inviare la propria adesione compilando un modulo online. Saranno poi coinvolte, affiancate dal Csv, in un intenso programma formativo con momenti di confronto con esperti e di raccordo con gli enti locali territoriali. Fra i volontari che avranno dato la disponibilità si individueranno le figure dell’ “inclusive manager”, capaci di per orientare e accogliere le persone per definire con loro il percorso di volontariato più adatto.

Sullo stesso tema

 
Luglio 2020
L M M G V S D
4 5
6 12

Social wall CSV

Torna su