www.csvnet.it

Dalla Fondazione Onc nuovo accreditamento per 40 Csv

Con la pubblicazione dell’avviso da parte dell’Organismo nazionale di controllo si avvicina sempre di più la conclusione della riorganizzazione territoriale per i centri di servizio per il volontariato. Sono 42 su 49 infatti, i centri che hanno portato a termine l’iter 

Con la pubblicazione dell’avviso sul proprio sito la Fondazione Onc - l'Organismo nazionale di controllo dei Csv – ha definito, a decorrere da oggi, 15 aprile, l’accreditamento di 40 centri di servizio per il volontariato, secondo quanto previsto dal Codice del terzo settore.

Diventano quindi 42 (sui 49 previsti) i Csv che hanno concluso l’iter: i Csv dell’Alto Adige e di Belluno Treviso erano stati infatti accreditati nei mesi scorsi. Per le delibere sui 4 Csv attivi in Campania e per il Csv del Molise bisognerà invece aspettare che venga ricostituito l’Organismo territoriale di controllo (Otc) competente sulle due regioni. A gennaio, infine, erano stati emessi dall’Onc i bandi per la gestione dei Csv della Sardegna e della Romagna.

La nuova organizzazione territoriale era entrata nel vivo a dicembre, con la disamina da parte della fondazione delle “manifestazioni di interesse” presentate dai 48 Csv che intendevano avvalersi della procedura agevolata prevista dal Codice del terzo settore (art. 101, c. 6), la quale permette agli “enti già istituiti come Csv” di evitare un nuovo bando per la gestione.

Decisa dall’Onc in base al rapporto tra strutture e numero di abitanti, la riorganizzazione territoriale ha lo scopo di rendere i centri di servizio più efficienti per svolgere il nuovo ruolo che la riforma del terzo settore assegna loro, ovvero di “promuovere e rafforzare la presenza ed il ruolo dei volontari” in tutti gli enti del terzo settore (e non più solo nelle organizzazioni di volontariato individuate dalla abrogata legge 266/91).

Un assetto che non inciderà sulla presenza capillare e sul radicamento raggiunti dai Csv nei loro primi 21 anni di attività ed è volto ad incrementare la quantità e la qualità dei servizi erogati gratuitamente agli enti del terzo settore.

Di seguito l'elenco dei 40 Csv accreditati: Abruzzo, Basilicata, Cosenza, Crotone-Catanzaro-Vibo Valentia, Reggio Calabria, Bologna, Modena-Ferrara (Terre Estensi), Parma-Piacenza-Reggio Emilia, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Genova, La Spezia, Savona-Imperia (Polis), Bergamo, Brescia, Como-Varese (Insubria), Lombardia Sud, Milano, Monza-Lecco-Sondrio, Marche, Asti-Alessandria, Cuneo, Novara-Verbano/Cusio/Ossola, Torino, Vercelli-Biella, Bari, Foggia, Brindisi-Lecce, Taranto, Palermo, Catania, Messina, Toscana, Trento, Umbria, Val d’Aosta, Padova-Rovigo, Venezia, Verona e Vicenza.

Sullo stesso tema

 
Maggio 2021
L M M G V S D
2
3 9
16
17 23
25 26 28 30
31

Social wall CSV

Torna su