www.csvnet.it

Riprendiamoci la scena: presentata la rassegna toscana per l’estate 2021

Promossa dal Csv regionale, prende il via il 25 giugno. In calendario 11 spettacoli gratuiti, ma con prenotazione obbligatoria. Trai protagonisti Michele Serra, Alessandro Benvenuti, Lorenzo Baglioni e Bobo Rondelli 

Michele Serra, Alessandro Benvenuti, Lorenzo Baglioni, Bobo Rondelli, Margherita Vicario, Stefano Santomauro, Eugenio Allegri… Sono alcuni degli ospiti di “Riprendiamoci la scena”, la rassegna estiva di teatro e musica promossa dal Csv Toscana e in programma dal 25 giugno al 28 agosto.

Undici gli appuntamenti in cartellone, uno per ciascuna delle 11 delegazioni territoriali del Csv.

“Riprendiamoci la scena” sarà un vero festival itinerante, curato dall’associazione culturale Lo Stanzone delle Apparizioni, con la direzione artistica di Matteo Marsan e Daniela Morozzi, che presenterà tutte le serate. Gli spettacoli saranno inseriti nei cartelloni di festival locali, in sinergia con gli enti territoriali che li promuovono.

Gli spettacoli si svolgeranno all’aperto (ore 21,30) e l’ingresso sarà gratuito con prenotazione obbligatoria.

La rassegna si aprirà venerdì 25 giugno in Piazza Gramsci ad Agliana (Pistoia) con lo spettacolo comico “Like” del livornese Stefano Santomauro, che racconta manie e nevrosi dell’era delle comunicazioni social.

Domenica 4 luglio, all’Anfiteatro Fonte Mazzola di Peccioli (Pisa - interamente realizzato con materiali eco-compatibili), l’attrice e cantautrice Margherita Vicario, accompagnata dall'Orchestra Multietnica di Arezzo, farà conoscere alcune delle donne straordinarie descritte in “Storie della buonanotte per bambine ribelli”.

Il duo musicale Musica Nuda composto da Petra Magoni e Ferruccio Spinetti sarà lunedì 12 luglio ai Giardini del Torrione di Santa Brigida - Empoli (Firenze).

Il nuovo album Cuore libero che Bobo Rondelli presenterà in concerto al Teatro all’aperto di Monte San Savino (Arezzo) sabato 17 luglio è “dedicato a chi gioca d’azzardo all’amore, puntando il cuore sulle stelle, roulette dei desideri”.

Martedì 20 luglio alla Rocca Ariostesca di Castelnuovo Garfagnana (Lucca), si terrà il “Lorenzo Baglioni show”, in cui l’attore/cantante/comico fiorentino propone - in una inedita formazione a tre - molte delle canzoni e degli stornelli che lo hanno reso celebre sul web.

Nel giardino di Villa Giamari a Montemurlo, venerdì 23 luglio Stefano “Cocco” Cantini e Antonello Salis sorprenderanno il pubblico con ArDuo, un concerto dove musiche originali, improvvisazioni e brani di levatura internazionale si uniscono in un continuo interplay dei due musicisti.

Lunedì 26 luglio sarà la volta di Alessandro Benvenuti che al Teatro Le Ferriere di Follonica (Grosseto) presenterà il nuovo spettacolo Panico ma rosa.

Sarà in scena al Giardino Palazzo Fantoni Bononi di Fivizzano (Massa Carrara), sabato 31 luglio, Novecento lo straordinario monologo di Alessandro Baricco, scritto per l’attore Eugenio Allegri: uno dei maggiori successi del teatro italiano degli ultimi decenni, in scena dal 1994 con oltre 600 repliche e più di 250 mila spettatori.

In un ambiente unico come quello del Lago Alberto nella tenuta Bellavista Insuese di Guasticce – Collesalvetti (Livorno) sabato 21 agosto si terrà lo spettacolo lirico “Mimì e le altre”.

Venerdì 27 agosto, nel cuore del borgo di Monteriggioni (Siena) l’ensemble d’archi ORT Attack presenta in Tango 2021 #Piazzolla! programma esclusivo dedicato al grande compositore argentino nel centenario della nascita.

La chiusura della rassegna è affidata a Michele Serra che sabato 28 agosto al Teatro Romano di Fiesole (Firenze) presenterà lo spettacolo “L’amaca di domani. Considerazioni in pubblico alla presenza di una mucca”.

“Riprendiamoci la scena vuole essere un segnale di rinascita, un modo per ricominciare da ciò che di più prezioso abbiamo: la nostra arte, la nostra cultura e la sensibilità che in tal senso dimostrano molte amministrazioni locali toscane – spiega Federico Gelli, presidente del Csv - dopo un anno e mezzo di sospensione delle iniziative pubbliche, che da sempre hanno rappresentato una parte importante delle attività di Cesvot, affidiamo alla cultura il compito di aiutarci a tornare sui territori. Con questa iniziativa abbracciamo idealmente e concretamente il mondo dello spettacolo che tanto ha sofferto in questo periodo di pandemia e dedichiamo questa rassegna alle volontarie, ai volontari, alle comunità locali”.

 
Ottobre 2021
L M M G V S D
12
25 31

Social wall CSV

Torna su