www.csvnet.it
CSVnet Centri di servizio per il volontariato

Ripartire dai giovani per creare una comunità su misura per loro

È l’obiettivo di Parma facciamo squadra 2021, la campagna di raccolta fondi coordinata dal Csv Emilia, con la collaborazione di Fondazione Cariparma, Barilla e Chiesi Farmaceutici. Si comincia con la produzione degli anolini solidali. Le donazioni saranno impiegate per il contrasto all’abbandono scolastico, all’isolamento, alle situazioni di disagio 

di Alessia Ciccotti

Si rinnova l’appuntamento con la campagna di raccolta fondi coordinata dal Csv EmiliaParma Facciamo Squadra” che per la sua ottava edizione sceglie di ripartire dai giovani.

Anche loro, infatti, hanno subìto le conseguenze della pandemia, privati della scuola, degli amici e di tutto ciò a cui erano abituati nei loro pomeriggi di libertà. Per questo l’edizione 2021 della campagna punta a costruire una “comunità educante”, pensando in particolare a chi già prima del Covid viveva situazioni di fragilità.

Alla campagna partecipano, come di consueto, la Fondazione Cariparma, Barilla e Chiesi Farmaceutici, che doneranno 1 euro ciascuno per ogni euro raccolto, garantendo così un effetto moltiplicatore.

I fondi saranno impiegati per azioni di contrasto all’abbandono scolastico, all’isolamento, alle situazioni di disagio che coinvolgono i ragazzi e le ragazze. “Si parte dai diritti: apprendere, coltivare aspirazioni e passioni e soprattutto sviluppare competenze e capacità. - dicono i promotori - Non si tratta solo della scuola ma di tutto ciò che compone l’universo di un giovane e che è una risorsa preziosa per la sua crescita; parliamo dello sport, del gioco o delle opportunità culturali che devono diventare esperienze da portare con sé nella vita adulta. Privarsi di tutto questo significa rischiare di ritrovarsi nella povertà educativa”.

Alla campagna collaborano dodici tra associazioni e cooperative sociali che lavorano da sempre con i giovanissimi, pronti a immaginare e realizzare esperienze e attività che liberino la loro creatività e offrano ai ragazzi opportunità per una crescita sana ed equilibrata e per il pieno sviluppo del loro potenziale.

“La comunità educante è la risposta più efficace alla povertà educativa. – continuano i promotori - Entra in gioco l’intera collettività che ruota intorno ai più giovani con scuola, famiglia, organizzazioni del terzo settore, istituzioni, società civile, parrocchie, università e i ragazzi stessi. Una comunità che cresce “con” loro, che educa gli adulti del domani, ma che si fa anche educare e cambiare”.

Ad aprire la campagna è stata la produzione dell’anolino solidale: per una settimana, in una staffetta continua, circa duemila volontari a Parma, Fidenza, Vigatto, Noceto, Sorbolo e Tortiano hanno prodotto 3000 chili di anolini con pasta e ripieni preparati nelle cucine della Protezione Civile dal Gruppo Cucina e Logistica. Tutte le materie prime sono interamente donate da Conad Centro Nord che ha messo a disposizione anche le merende per tutti i volontari, insieme a Barilla.

La staffetta, che quest’anno richiede uno sforzo ancor maggiore per garantire le perfette condizioni igienico-sanitarie, si concluderà nel week end del 4 e 5 dicembre con la vendita della pasta ripiena in 35 punti diversi. Gli anolini solidali saranno distribuiti a Parma in piazza Garibaldi e Villa Ester, casa del quartiere Oltretorrente, nelle piazze di Noceto, Sorbolo, Fidenza e nei punti vendita Conad di Parma e provincia che aderiscono all’iniziativa. L’anolino solidale ha il patrocinio di: Comune di Parma, Comune di Fidenza, Comune di Noceto e Provincia di Parma. A farsi garante della raccolta fondi sarà la Fondazione di comunità Munus.

Sullo stesso tema

 
Maggio 2022
L M M G V S D
2
9 10
16 18
30 31

Social wall CSV

fondazioneonc logoBN Logo FVP des labsus Euricse new
Torna su