www.csvnet.it
CSVnet Centri di servizio per il volontariato

Comunità energetiche rinnovabili, arriva l’ok dall’Europa

La Commissione Europea ha autorizzato il provvedimento italiano per finanziare, con incentivi e contributo a fondo perduto, le comunità locali per sfruttare l'energia rinnovabile, e può interessare anche gli enti del Terzo settore 

di Chiara Meoli*

Il 22 novembre 2023 la Commissione europea ha dato il via libera al decreto italiano che propone incentivi e un contributo a fondo perduto per la costituzione delle cosiddette Comunità energetiche rinnovabili (Cer).

L’importo complessivo degli aiuti è pari a 5,7 miliardi di euro, di cui 2,2 miliardi provenienti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) per contributi a fondo perduto e 3,5 miliardi per incentivi in tariffa.

Il decreto approvato dalla Commissione europea si compone di due misure:

  • una tariffa incentivante sull’energia rinnovabile prodotta e condivisa;
  • un contributo a fondo perduto.

In particolare, la procedura di accesso per il riconoscimento della tariffa incentivante prevede la presentazione della relativa domanda al Gestore Servizi Energetici (Gse) – soggetto che avrà il compito di gestire la misura, valutando i requisiti di accesso, erogando gli incentivi e fornendo anche pareri preventivi di ammissibilità ai soggetti che ne faranno richiesta – entro i 120 giorni successivi alla data di entrata in esercizio degli impianti: un’agevolazione, questa, che verrà finanziata attraverso un prelievo sulla bolletta elettrica pagata da tutti i consumatori.

In relazione al contributo a fondo perduto (misura finanziata attraverso i 2,2 miliardi di euro messi a disposizione dal Pnrr, con l’obiettivo di realizzare una potenza complessiva di almeno 2 Gigawatt) questo è rivolto ai territori dei Comuni con meno di 5.000 abitanti e può arrivare a coprire fino al 40% dell’investimento sostenuto dai creatori di una Cer. La potenza complessiva agevolabile in questo modo, fino alla metà del 2026, è pari a 2 GW.

Il contributo a fondo perduto è cumulabile con l’incentivo in tariffa.

Le misure per la realizzazione delle comunità energetiche riguardano tutte le tecnologie rinnovabili, tra cui fotovoltaico, eolico, idroelettrico e biomasse.

Gli attori di una comunità energetica possono essere cittadini, enti locali, piccole e medie imprese, enti del Terzo settore, condomìni, enti religiosi.

Il passaggio iniziale per la realizzazione di una Cer, dopo l’individuazione dell’area interessata alla costruzione dell’impianto e della cabina primaria, è l’atto costitutivo del sodalizio tra i soggetti coinvolti, che dovrà avere come oggetto sociale prevalente i benefici ambientali, economici e sociali.

© Foto in copertina di Franco Fratini, progetto FIAF-CSVnet "Tanti per tutti. Viaggio nel volontariato italiano"

Cantiere terzo settore

Sullo stesso tema

 
Febbraio 2024
L M M G V S D
4
10 11
15 16 17 18
21 24 25
29
fondazioneonc logoBN Logo FVP des labsus Euricse new
Torna su