Rovigo: sociale e tutela della natura si incontrano nel progetto "Orti in città"

Orto in cittàLa difesa della natura incontra l'attenzione al sociale nel progetto "Orti in città", promosso dal Wwf di Rovigo con una rete di associazioni di volontariato, organizzazioni di categoria, enti locali e privati. Finanziato dal Centro di Servizio per il Volontariato di Rovigo, il progetto punta a creare in città spazi da adibire ad orti sociali, rivolti a persone anziane, disoccupati, persone in difficoltà e più in generale a tutti i cittadini.
L'intento è quello di favorire l'autoproduzione di alimenti, coniugando la riscoperta della terra e dell'ambiente con la creazione di opportunità per le fasce sociali più deboli.

Tra le attività nel capoluogo, è previsto il recupero degli orti e delle serre della casa di riposo "Casa Serena", un tempo utilizzati dagli ospiti della struttura come spazio di svago quotidiano, oggi in stato di abbandono. Inoltre, in collaborazione con l'amministrazione comunale, saranno individuate ulteriori aree in città in cui sviluppare orti sociali.

di Alessia Ciccotti

Questi spazi saranno messi a disposizione delle persone anziane o di altre persone segnalate dal Comune per criteri di reddito ed età, oltre che da associazioni che potranno realizzare attività di recupero di persone svantaggiate attraverso l'orticultura. È previsto anche il sostegno alle iniziative già presenti nel territorio, come i 18 orti comunitari di Santa Rita e l'orto di parco "Alexander Langer".

All'interno del progetto sono previsti anche due corsi di formazione, aperti a tutti i cittadini, per imparare a curare un orto. Il primo si terrà a Rovigo, alla bottega del commercio equo e solidale "La Fionda di Davide", in viale della Tecnica, 10 (iscrizioni: tel. 0425.404323 - fiondadidavide.ro@libero.it), mentre una seconda edizione è prevista ad Adria, nella sede della Acli Carbonara in via Po, 27 (iscrizioni: 0426.21915 - circoloaclicarbonara@alice.it).
Entrambi i percorsi inizieranno tra febbraio e marzo e prevedono cinque lezioni teoriche in aula e quattro lezioni pratiche sul campo per mettere alla prova quanto acquisito.

Il progetto ha un costo complessivo di 10.000 euro, coperto per il 70% dal CSV. Tra i partner: il Comune di Rovigo, Legambiente Veneto, Uisp, Lipu, Italia Nostra, Cooperativa sociale Porto Alegre, Accademia delle Verdure, circolo Acli Carbonara, Architetti per Esigenza, Comitato Diritto Alla Città, Comitato Commenda Est Rovigo, Rete Studenti Medi ma anche Coldiretti e Cna pensionati.

"Il focus del bando con cui è stato finanziato il progetto erano le problematiche legate all'inclusione sociale di persone in difficoltà. - ha detto il direttore del CSV, Luca Dall'Ara - È dunque molto positivo che il Wwf abbia deciso di coniugare le proprie istanze ambientali con tematiche più strettamente sociali". 

Sullo stesso tema

 
Dicembre 2019
L M M G V S D
23 24 25 26 27 28 29
30 31

Social wall CSV

Torna su