06 Maggio 2019

“Il gioco ti toglie tutto”: la pubblicità che sfida l’azzardo

A Carpi, nel modenese, una campagna a base di poster 6x3 affissi in punti di grande affluenza cerca di contrastare la pervasività delle lusinghe del gioco. L’ha ideata la rete di associazioni “Non giocarti il futuro!” 

17 Ottobre 2017

Le regole per non sprecare il denaro si imparano nelle scuole di Napoli

Il Csv del capoluogo campano propone a tutti gli istituti della provincia seminari gratuiti su come evitare il sovraindebitamento, l’usura e le spese pazze. Ma anche su come gestire il proprio bilancio personale 

11 Aprile 2017

Azzardo: servono regole e controlli ma anche una svolta educativa

L'Urban Center di Reggio Calabria, uno dei beni confiscati al re dei videopoker Campolo, ha ospitato un workshop sul gioco d'azzardo in cui istituzioni e terzo settore si sono confrontati. Tra gli interventi anche le testimonianze di ex giocatori. Oltre 60 i partecipanti.

13 Ottobre 2014

Azzardo: non chiamiamolo "gioco". Una mostra itinerante per cambiare punto di vista

Lo scorso giugno la Fondazione Exodus ha lanciato la campagna educativa rivolta in particolare a giovani e studenti: "Azzardo: non chiamiamolo gioco", che gode del patrocinio del Senato della Repubblica ed è promossa da importanti realtà del mondo della comunicazione e del non profit come la Casa del Giovane, il Movimento No slot, il Magazine Vita, Unilab e Anci 

04 Marzo 2014

L'azzardo non è un gioco

L'indagine su "gioco d’azzardo legale e rischio dipendenza tra le persone over 65 incontrate da Auser" mette in luce come la ludopatia sia un fenomeno in crescita che, in misura sempre più evidente, tende a colpire le persone anziane creando solitudine e precarietà economica

 {phocadownload view=file|id=272|target=s}

04 Marzo 2014

Anziani sempre più a rischio di gioco d'azzardo patologico: presentata ricerca nazionale

Fra Gratta e vinci e Superenalotto sono molti gli anziani che si giocano la pensione. Sono questi infatti i giochi preferiti dagli over 65 che dichiarano di aver giocato, nel 70% dei casi, almeno una volta nel corso dell'anno precedente