Giustizia riparativa: nuovo accordo tra CSV Catanzaro e Uepe

csv catanzaro 220x150Il CSV di Catanzaro si aggiunge all'elenco dei Centri di Servizio per il Volontariato impegnato nell'ambito della giustizia riparativa.
Nel mese di settembre, infatti, il CSV ha siglato una convenzione con l'Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Catanzaro (UEPE), con la quale si riconosce ufficialmente una forma riparatorio che il colpevole di un fatto criminoso svolge a beneficio della comunità.

di Alessia Ciccotti

Tenendo conto del fatto che il recupero ed il reinserimento sociale delle persone coinvolte in attività criminose passa anche attraverso la partecipazione di istituzioni ed associazioni, l'UEPE si è quindi affidato al CSV per favorire la conoscenza e lo sviluppo di attività riparative a favore della collettività, nel pieno rispetto del suo ruolo di promotore di una rete di collaborazione con le organizzazioni di volontariato e del terzo settore, oltre che con gli enti pubblici e privati nella loro qualità di soggetti coinvolti nel processo di crescita sociale e culturale del territorio.

Secondo quanto previsto dalla convenzione, il CSV avrà quindi il compito di individuare associazioni che possano accogliere persone in esecuzione di pena per lo svolgimento di attività di riparazione, senza tralasciare l'opportunità di organizzare attività di formazione congiunta da destinare alle associazioni coinvolte.

A firmare l'accordo sono stati il presidente del CSV Mario Cortese ed il direttore dell'Ufficio di Esecuzione Emilio Molinari, alla presenza di Elisabetta Palmieri responsabile per l'UEPE dell'Area di Servizio Sociale e di Giulia Menniti, referente dell'Area Promozione del CSV.

Leggi anche:
Giustizia riparativa: il volontariato come seconda occasione
Lavoro di pubblica utilità: a Verona aumentano le opportunità
Volontariato per la giustizia riparativa: a Bologna un percorso formativo

Sullo stesso tema

 
Agosto 2019
L M M G V S D
4
12 13

Social wall CSV

Torna su